Connect with us

Attualità

Gas in salita vertiginosa, Bloomberg: l’Europa potrebbe essere lasciata al gelo

Scritto

il

gas in salita vertiginosa UE rischia di restare al gelo

Poco prima di Natale la materia prima aveva raggiunto i 180 euro per megawatt all’ora, per poi riscendere inaspettatamente a 72 euro grazie ai cargo americani. La Russia continua a chiudere i rubinetti verso la Germania, creando grande volatilità sui prezzi e il gas in salita vertiginosa fa venire i brividi all’UE.

Ieri il gas naturale scambiato ad Amsterdam a Ttf si è assestato intorno agli 85 euro per megawatt/h. Il record storico era stato toccato poco prima di Natale a oltre 180 euro, quando un invio di scorte Usa ha aiutato l’Europa a superare la salita vertiginosa del prezzo del gas e trascorrere in relativa tranquillità le feste, portando il valore della materia prima a 72 euro.

Scrive Bloomberg che ancora una volta la causa è la Russia, il principale fornitore dell’UE attraverso il gasdotto più grande d’Europa Yamal-Europe, che continua a operare al contrario, spedendo gas dalla Germania alla Polonia, invece che funzionare in senso inverso, dalla Russia alla Germania.

Anche in Asia la domanda di gas naturale sta aumentando, così l’Europa si trova ad affrontare una situazione ardua in cui Paesi concorrenti potrebbero permettersi le scorte di materia prima a prezzi maggiori, esattamente come fece un paio di mesi fa la Cina con il gas russo. Notevole differenza la svolgono anche le relazioni internazionali di gran lunga migliori tra Mosca e Pechino rispetto a Mosca-Bruxelles. Secondo BloombergNef, l’aumento degli arrivi di gas in Europa dagli Stati Uniti «potrebbe a sua volta essere di breve durata» dal momento che gli Usa ricevono molte richieste anche dalla costa pacifica, proprio dai Paesi del Fareast.

Infatti agli inizi dello scorso settembre, Amos Hochstein, l’inviato degli Stati Uniti per la sicurezza energetica, aveva ammonito l’Europa per la sua inattività sui mercati energetici in vista della stagione fredda, tanto da sestuplicare in pochi mesi i prezzi del gas, che nel 2020 scambiava a 15 euro il megawatt/h, provocando una stangata senza precedenti sui conti di imprese e famiglie.

Sicuramente l’Europa sta affrontando un fondamentale progetto di transizione energetica in modo da poter essere neutrale sulle emissioni di anidride carbonica entro il 2050, e con l’obiettivo di non dipendere da qualunque altra importante area economica del mondo. I 27 Paesi dell’Unione nei prossimi anni dovranno chiudere le centrali elettriche a carbone alzando la dipendenza dalle rinnovabili. L’energia eolica e solare sono indubbiamente fonti green, ma sono anche instabili, come si è constatato lo scorso anno con il calo improvviso della potenza generata dalle turbine.

Tuttavia, anche se Bruxelles sta mettendo in atto passo dopo passo il suo progetto futurista, la crisi energetica ha colpito il blocco dei Paese Eu proprio perché nel frattempo la sicurezza dell’approvvigionamento non era sulla lista dei responsabili politici, creando colpevolmente maggiore tensione politica tra i regolatori europei.

Ad aggravare lo scenario ci sono le carenze causate dalla manutenzione ai giacimenti di petrolio e gas nel Mare del Nord che alzano la posta in gioco dei russi su Nord Stream 2, il più lungo gasdotto al mondo terminato il 6 settembre 2021, e osteggiato da sempre dagli Stati Uniti, temendo la dipendenza energetica dell’Ue da Mosca.  Nelle ultime ore la neo-ministra degli Esteri tedesca Baerbock, in seguito ad un incontro bilaterale con il nostro ministro degli Esteri Di Maio, ha espresso il grande disappunto del governo tedesco per i «ricatti energetici» dei russi minacciando addirittura lo stop alla messa in funzione del gasdotto, che sarebbe sì un danno per l’Europa, ma che porterebbe la Russia a pagare conseguenze oltremodo negative sul lungo periodo.

Attualità

Dl Aiuti-bis: al vaglio rivalutazione delle pensioni e taglio del cuneo fiscale ai lavoratori

Scritto

il

dl aiuti bis

Oggi il Dl Aiuti-bis approda in Consiglio dei Ministri e dovrebbe essere inserito nella Gazzetta Ufficiale entro la fine della settimana. Ieri, la bozza circolata ha fatto imbestialire i sindacati che parlano di «elemosina».

Taglio dell’1% delle tasse sul lavoro, per i lavoratori con reddito inferiore ai 35 mila euro annui. Rivalutazione delle pensioni del 2%. Proroga a sconti su accise e bollette. Raddoppio del bonus trasporti e del bonus psicologo. Questi i punti salienti del Dl Aiuti-bis che oggi pomeriggio arriva in CdM. Non è ancora definitivo, ma quasi e ci si aspetta che entro la fine della settimana venga inserito in Gazzetta Ufficiale. Anche perché i partiti si sono impegnati non presentare emendamenti ai 41 articoli proposti.

Ieri la bozza ha circolato, facendo arrabbiare i sindacati che parlano di «elemosina». Il taglio del cuneo fiscale per i lavoratori è considerato insufficiente, dal momento che in base alle stime, si traduce in un aumento mensile di 10 euro lordi per ogni mille euro guadagnati. In media, 1un aumento di 100 euro lordi, ogni sei mesi. Per quanto riguarda la rivalutazione del 2% delle pensioni invece, significa 10 euro lordi ogni 500 euro erogati. Quindi il totale annuo sarebbe inferiore ai 200 euro una tantum del Dl Aiuti.

Per questo bonus si amplia la platea, che prenderà in considerazione braccianti dell’agricoltura, precari della scuola, stagionali dello spettacolo e lavoratori con contratti di somministrazione. Previsto anche un bonus da 100 euro per le partite Iva.

Niente taglio all’iva sui generi alimentari di prima necessità, ma proroga del taglio di 30 centesimi sulle accise dei carburanti, che comunque da inizio anno hanno subito un aumento superiore al 13%.

Cresce anche la platea per gli aiuti alle famiglie per il caro-energia, per cui sono stati stanziati 5 miliardi rispetto agli originari 3,5. Compresi tra i “vulnerabili” ora anche persone in difficoltà economica, disabili, utenze delle isole minori non interconnesse e over 75. Per loro, dal 1 gennaio costo del gas pari a quello di approvvigionamento all’ingrosso. Fino al 31 ottobre i fornitori non potranno modificare i prezzi, per nessuna utenza.

100 milioni aggiuntivi per il bonus trasporti e 200 milioni per le imprese agricole in difficoltà a causa della siccità. Anche il bonus psicologo dovrebbe essere corroborato.

Continua a leggere

Attualità

Sogno americano per la Pernigotti? Accordo preliminare per l’acquisto con Jp Morgan, ma la confusione rimane

Scritto

il

proposta acquisto Pernigotti Jp Morgan

Un nuovo colpo di scena per la Pernigotti, la storica azienda dolciaria attualmente controllata dal gruppo turco Toksoz, ma ferma da mesi: la Lynstone, società del colosso americano Jp Morgan, ha formulato una proposta d’acquisito, con tanto di contratto preliminare già firmato.

Il famoso gianduiotto con la confezione dorata, potrebbe tingersi a stelle e strisce. La Lynstone, società di proprietà del colosso amaricano Jp Morgan, ha manifestato interesse per l’acquisto di Pernigotti, la celebra azienda dolciaria, attualmente di proprietà di Pasenting Holding, controllata dal gruppo turco Toksoz. Sul tavolo, perfino un accordo preliminare.

All’apparenza una buona notizia per tutti i dipendenti degli stabilimenti con sede a Novi Ligure, che sognano una ripresa delle attività entro il periodo natalizio e il rilancio dell’azienda. Eppure, le ombre e la confusione che in questi mesi hanno avvolto Pernigotti, non vengono dissipate. Il problema rimane sempre lo stesso: l’incertezza dell’attuale proprietà.

Ciò che temono lavoratori e sindacati è che, dopo varie vicissitudini e dopo aver aperto la porta a potenziali partner e investitori, il gruppo che attualmente controlla il marchio Pernigotti possa cambiare idea e decidere di non cedere le quote. In base all’accordo preliminare consegnato a maggio al Mise, questa cessione dovrebbe compiersi entro i primi di agosto e il passaggio di proprietà dovrebbe completarsi tutto a settembre. Eppure, al momento regna ancora tanta incertezza, al punto che i il tavolo di lavoro convocato per il rinnovo della cassa integrazione ai dipendenti è slittato al 2 agosto.

In seguito all’ultimo passaggio di mano del marchio Pernigotti, nel 2018, l’attuale gruppo ha manifestato la volontà di trasferire tutta la produzione in Turchia. Poi, dopo una serie di passaggi e la cessione di alcuni rami aziendali, la proprietà ha presentato un piano di ristrutturazione aziendale, che però non è mai stato realizzato.

Nella primavera scorsa, la manifestazione di interesse di Jp Morgan al marchio Pernigotti, che in Italia, e nel settore, ha già investito per l’acquisizione di Walcor. Adesso si attende una risposta dalla holding che controlla la celebre “fabbrica di cioccolato”. Se accetterà di cedere le quote, o se invece sceglierà di tenerle, al momento non è dato saperlo.

Continua a leggere

Attualità

High-tech in crisi? Google, Amazon e Meta fermano le assunzioni, Microsoft e Tesla tagliano il personale

Scritto

il

acebbook annuncia lo stop al targeting dettagliato su argomenti sensibili

L’inflazione e le incertezze economico-finanziarie dovute al conflitto in Ucraina e le sue conseguenze, provocano contraccolpi perfino al reparto high-tech, che affronta la prima crisi dopo dieci anni di crescita inarrestabile.

L’ultima ad annunciare il blocco alle assunzioni, è stata Google. Con una lettera indirizzata ai propri dipendenti, l’ad Sundar Pinchai ha spiegato che anche a Mountain View si fermano i nuovi arrivi e che i lavoratori dovranno lavorare di più. Apple e Amazon invece, continueranno ad assumere nuove risorse, ma meno di quanto inizialmente previsto. Stop all’arrivo di nuovi ingegneri e tecnici informatici a Meta, l’azienda che racchiude Facebook, WhatsApp e Instagram (tra le altre). Tesla e Microsoft hanno annunciato invece soluzioni più drastiche, con significative riduzioni di personale. Insomma, la crisi è arrivata anche per il settore high-tech. Dopo 10 anni di crescita inarrestabile.

Il bollettino del Nasdaq parla chiaro: da inizio anno, la sezione della Borsa di New York che riunisce le aziende del settore, ha perso il 27%. E gli intoppi di natura finanziaria hanno sempre ricadute sull’economia reale: stop alle assunzioni se va bene, licenziamenti se va male. Persino nei colossi del web.

Dove non è arrivata la pandemia quindi, è arrivata la guerra. Il periodo più duro della crisi sanitaria dovuta alla diffusione del Covid anzi, aveva addirittura accelerato una crescita costante durata più di un decennio. Ma l’invasione dell’Ucraina, e le conseguenze economiche a livello internazionale, hanno decretato lo stop.

Ma se per la Gafam, l’acronimo che indica le società più ricche al mondo (Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft) non solo nei propri settori, la situazione è ammortizzabile, per la miriade di aziende e start-up del comparto high-tech le cose sono più dure. Dalle aziende attive nel delivery, a quelle che hanno puntato sulle criptovalute, passando per streaming e acquisti on-line, tutte annunciano tagli al personale e riduzione degli investimenti.

Che si tratta di una flessione momentanea destinata a risalire, o se invece ci troviamo di fronte ad un punto di svolta e l’inizio della crisi del comparto high-tech è presto per dirlo. Ma di sicuro, gli effetti concreti di questa flessione si stanno già facendo sentire sulle spalle di migliaia di lavoratori.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Settore è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.